Contatto per emergenza +38 050 4625321

Post Tagged with: " export Ucraina "

Tabella ISTAT Import Export Italia Ucraina

Interscambio commerciale in valore Italia-Ucraina -Gennaio-Giugno 2011

Tabella ISTAT Import Export Saldi con l´Italia

Interscambio commerciale Italia – Ucraina Gennaio-Giugno 2011 (Valori in Euro)
SH2 IMPORTAZIONI ESPORTAZIONI SALDO
Totale

1.738.799.512

774.989.576

-963.809.936

Il dettaglio , seppur,omogeneo , permette di evidenziare particolari interessanti delle esportazioni italiane verso l’Ucraina nei vari settori merceologici .

Le esportazioni Italiane verso l’ucraina coinvolgono :

Macchinari meccanici–  Finalizzati al miglioramento della produzione e  risparmio energetico in sostituzione di macchinari obsoleti

Mobili – l’importazione di mobili ed arredo di segmento medio alto e’ in permanente ascesa grazie alla miglior distribuzione nel paese

– Abbigliamento – Permane la ricerca del capo made in italy da parte dei consumatori ucraini di ceto medio alto ( bacino di 1.000.000 di potenziali clienti )

Macchinari elettrici – Le nuove aziende Ucraine vedono la tecnologia italiana come tecnicamente affidabile ed orientata al risparmio energetico

Calzature – Il prodotto italiano calzaturiero gode di 3 fattori eleganza comodità e qualità . Anche se il mercato e’ offuscato da prodotti pubblicizzati da parole italiane o logati da bandiera Italia , ma  falsi ad una visione esperta , prodotti in Turchia -Romania -Cina . che stanno minando la percezione della qualità italiana .

Materie plastiche  .Qualità e design  dei prodotti italiani sono la chiave della concorrenza

Indumenti a maglia . vedi le stesse note delle calzature

Lavori di ghisa, ferro o acciaio Qualità , dettaglio e finiture e precisione dei prodotti italiani sono la chiave della concorrenza

Combustibili

Prodotti ceramici vedi le stesse note delle materie plastiche

I distributori e gli importatori cercano diretti con le aziende italiane per evitare intermediari .

Non bisogna dimenticare che tra Italia ed Ucraina, reputiamo , i dati ancora falsati a causa dell’abitudine dei produttori Italiani di accettare pagamenti in contanti e consegna senza fatturazione agli Ucraini di merce che viene trasferita in Ucraina di contrabbando , che muove volumi incredibili con perdita degli imponibili e dei dazi per entrambe le Nazioni ,rimanendo invisibile a qualunque statistica .

Il tragitto stradale e’ percorribile in 24 ore , quasi interamente in autostrada .

 Tabella ISTAT Principali merci/settori esportate dall´Italia (Valori in Euro, dati cumulati Gennaio-Giugno) EXP

I SEM 2011

EXP

I SEM 2010

Var.%
84-Macchinari meccanici

197.172.031

126.264.219

56%

94-Mobili

78.319.016

58.863.920

33%

62-Abbigliamento

69.020.682

56.288.660

23%

85-Macchinari elettrici

56.670.569

23.594.394

140%

64-Calzature

41.588.246

30.603.221

36%

39-Materie plastiche

29.088.387

22.610.217

29%

61-Indumenti a maglia

18.899.902

17.452.044

8%

73-Lavori di ghisa, ferro o acciaio

18.870.552

19.703.828

-4%

27 -Combustibili

18.125.928

458.578

3853%

69-Prodotti ceramici

15.390.688

11.880.444

30%

  Tabella ISTAT Principali merci/settori importate dall´Italia (Valori in Euro, dati cumulati Gennaio-Giugno)

IMP

I SEM 2011

IMP

I SEM 2010

Var.%
72-Ghisa, ferro e acciaio

1.060.924.199

647.096.642

64%

27-Combustibili

158.049.326

181.101.481

-13%

12-Semi e frutti oleosi

99.935.906

17.772.170

462%

15-Grassi e oli animali o vegetali

77.697.979

54.265.781

43%

10-Cereali

61.208.084

3.829.007

1499%

31-Concimi

36.938.187

22.292.812

66%

25-Sale; zolfo; terre e pietre; gessi, calce e cementi

36.586.599

29.751.306

23%

41-Pelli (diverse da quelle per pellicceria) e cuoio

35.127.216

32.007.512

10%

44-Legno, carbone di legna e lavori di legno

32.009.853

24.113.684

33%

28-Prodotti chimici inorganici

24.247.773

12.300.504

97%

INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI

Il volume degli IDE in accumulo di origine italiana (considerati anche gli investimenti effettuati da nostre aziende tramite controllate estere) e’ tuttavia ben maggiore (stima attorno ai 4,5 MLD USD) di quello risultante dalle contabilizzazioni ucraine (inferiore al miliardo di dollari), collocando l’Italia tra le maggiori presenze estere in Ucraina (specie se ad interscambio ed investimenti si aggiungono le consistenti rimesse dei lavoratori ucraini in Italia). Sotto il profilo dell’origine delle societa’ controllanti, i maggiori investitori esteri in Ucraina sono, in sintesi, Russia, Germania, Italia, Francia, Austria, Stati Uniti, Regno Unito, Svezia, Paesi Bassi e Polonia.